martedì 17 giugno 2008

Addio Sergentmagiù


Mario Rigoni Stern (1921-2008)

Io Mario Rigoni Stern non ho mai voluto conoscerlo. Anche se non era difficilissimo trovare il modo di incontrarlo "casualmente" camminando in Valgiardini o in altre zone vicine alla sua tana asiaghese o in uno degli incontri pubblici. Anche se lo amavo davvero. Se mi chiedete il motivo, ve ne dico due. Il primo: da piccolissimo, nel corso di una serata a Cesuna, sull'Altopiano, mio nonno litigò di brutto con lui. Davanti a tutti. Il secondo: avevo paura di restare in qualche modo deluso dall'incontro. Deluso da me, beninteso, non da lui. Dall'incapacità di dirgli tutto quello che sentivo per lui. Tutto quello che le sue pagine mi hanno regalato. Buon viaggio, Sergentmagiù. E buon ritorno a baita.

2 commenti:

Marta ha detto...

Sei un grande giornalaio. Uno di quelli che danno lustro a questa immensa e multiforme categoria.

archilella! ha detto...

non sapevo che tuo nonno avesse avuto uno scontro con lui...la famiglia Lanzilotta non smette mai di stupirmi!

so quanto eri legato al Sergentmagiù e alle sue storie...non smettere di trasmetterle agli altri caro giornalaio!